multinazionali

15 Novembre 2017

Philip Morris finanzia la fondazione... "Per un mondo senza fumo"!

Vi proponiamo la traduzione dell'articolo del British Medical Journal "Tobacco giant wants to eliminate smoking ... and pigs might fly" , a cura del dottor Adriano Cattaneo dell'associazione "No grazie pago io" , un gruppo di medici e operatori sanitari che rifiuta qualsiasi omaggio o somma di denaro dalle case farmaceutiche.

continua a leggere

04 Novembre 2017

Stop Fiscal Compact: i diritti vengono prima dei profitti

Terra Nuova Edizioni ha aderito e sostiene la campagna Stop Fiscal Compact, promossa da Attac, per la quale si stanno raccogliendo le firme QUI . Perchè? Perché a fine 2017 questo Trattato (sulla stabilità, coordinamento e governance nell'unione economica e monetaria) potrebbe essere inserito nell'ordinamento europeo, divenendo giuridicamente superiore alla legislazione nazionale, rendendo irreversibili le politiche liberiste d'austerità e calpestando i diritti.

continua a leggere

19 Ottobre 2017

Petizione per fermare la fusione Bayer-Monsanto

WeMove.eu, insieme a Friend of the Earth, Sum of Us e Food&Water Europe, ha promosso una petizione per sollecitare l'Unione Europea affinchè tenti di porre un freno alla fusione dei due colossi del biotech e dei pesticidi, Bayer e Monsanto.

continua a leggere

27 Giugno 2017

Ceta: ecco chi ha votato sì in Senato

La Commissione Affari Esteri del Senato ha dato il primo via libera al Ceta, il trattato che mette a rischio diritti e salute dei cittadini europei. Ecco come mobilitarsi.

continua a leggere

19 Giugno 2017

Il CETA arriva in Senato: mobilitazione e tweet-storm

Il CETA è arrivato in Senato. L’accordo tossico UE-Canada sarà votato giovedì 22 giugno 2017 e serve una mobilitazione di massa per fermare il processo di ratifica.

continua a leggere

02 Giugno 2017

Trudeau lascia l'Italia: sul Ceta pressione della società civile

La visita del presidente canadese per promuovere il CETA in Italia incontra lo scontento delle organizzazioni parte della campagna Stop TTIP Italia. Aumenta la pressione sul Parlamento per rigettare l’accordo tossico UE-Canada

continua a leggere

28 Maggio 2017

Stop Ceta. Il 30 maggio tweet ai parlamentari

Il 30 maggio il primo ministro canadese sarà in Italia per "sponsorizzare" il Ceta, l'accordo nel mirino della Campagna Stop Ttip e Ceta sul qualeil Parlamento dovrà decidere. Intanto il Consiglio dei ministri ha dato l'ok nella seduta del 24 maggio.

continua a leggere

15 Febbraio 2017

A Strasburgo passa il CETA. Di Sisto: «Pagina oscura per la democrazia»

Il Parlamento europeo, malgrado le proteste di milioni di cittadini, ha ratificato il CETA, il pericoloso accordo commerciale tra Usa e Canada che per la parte europea ora entrerà in vigore senza nemmeno attendere l'approvazione dei Parlamenti degli Stati membri. Terra Nuova, che fa parte della Campagna Stop Ttip e Ceta, si unisce alla ferma protesta dei portavoce della mobilitazione.

continua a leggere

20 Gennaio 2017

21 gennaio: mobilitati anche tu contro il Ceta

Nelle piazze, sul web, sui social, via e-mail: ecco tutto quello che può fare ciascuno di noi per dire "Stop Ceta".

continua a leggere

11 Dicembre 2016

Il CETA è tossico: aiutiamoli a smettere!

Il CETA è un accordo tossico, spaccia benessere, ma è rischioso per tutti. Descrive un futuro stupefacente, ma può lasciare molti in mezzo a una strada. Gli europarlamentari vorrebbero votarlo? Aiutiamoli a smettere. L'iniziativa della Campagna Stop TTIP, di cui Terra Nuova fa parte.

continua a leggere

23 Novembre 2016

Ceta: fa paura il parere della Corte UE

L’Europarlamento impedisce il ricorso alla Corte di Giustizia Europea contro il CETA. Tanti anche gli italiani che hanno votato per il veto. Stop TTIP Italia: “Fatto grave e preoccupante. Mettiamo gli eurodeputati sotto pressione e chiediamo conto delle loro azioni”.

continua a leggere

16 Novembre 2016

Chiedi ai deputati di votare contro il CETA!

La mobilitazione contro i trattati internazionale che calpestano Stati e popoli prosegue e ora l'iniziativa è quella di chiedere direttamente agli europarlamentari italiani come voteranno sul CETA, facendo loro sentire la pressione dei cittadini.

continua a leggere