Tempo di vivere: Gabriella Oliva racconta il suo ecovillaggio

Andrea Stagliano, nel programma "Assieme, passi leggeri e coraggiosi" di Radio Iride, intervista Gabriella Oliva, fondatrice e comunarda dell'ecovillaggio Tempo di Vivere (Piacenza).

21 Gennaio 2019

Vi proponiamo un'intervista a Gabriella Oliva , fondatrice dell'ecovillaggio Tempo di Vivere a cura di Andrea Stagliano, ex presidente della Rete italiana villaggi ecologici - RIVE e conduttore del programma "Assieme, passi leggeri e coraggiosi" di Radio Iride .

Oltre a farci conoscere l'ecovillaggio, l'intervista apre riflessioni importanti sul cambiamento, la fiducia, la paura, l'individualismo. Un racconto che narra di una realtà veramente alternativa, di uno stile di vita che vuole riconquistare una dimensione sociale fatta di relazioni profonde. Una scelta di vita che può portare un contributo sostanziale nel ricostruire una società pacifica e solidale, disseminando un messaggio di libertà e aiutando le persone a riaccendere una "scintilla di luce" dentro di sé.

Si parla di esperienze di vita vera rispetto all'uso di strumenti di costruzione di comunità come la Comunicazione non violenta, lo Scollocamento solidale e la Via del Cerchio: modalità che creano spazi protetti per far emergere l'autenticità delle persone, senza velo, senza parti da recitare.

Si tocca l'argomento dell'accoglienza della diversità ma anche delle difficoltà che si incontrano nel conflitto, della necessità di affrontarlo, del cadere e del rialzarsi.

Si parla di una comunità viva, in carne ed ossa, dei suoi protagonisti e di come hanno cambiato vita realizzando i propri talenti. Ci racconta che qualcosa che sta cambiando e che può cambiare la vita di molti altre persone. Perché nella visione di Tempo di vivere c'è il progetto "Il villaggio del Cambiamento", una grande comunità che ospiti gruppi diversi, associazioni e persone con diverse necessità, tutti uniti dalla volontà di cambiare, nella crescita personale, in cammino con gli altri.

Se vuoi seguire il canale YouTube di "Assieme, passi leggeri e coraggiosi", clicca qui . Se vuoi sentire l'intervista, vedi il video sotto.

 

 

 

Vuoi saperne di più sulla Rete degli ecovillaggi e delle comunità presenti in Italia e all'estero? Leggi il libro di Terra Nuova!
La vita comunitaria e la condivisione dell'abitare si stanno espandendo sempre di più, non solo all'estero, ma anche nel panorama italiano, che offre un ricchissimo e variegato arcipelago di esperienze, dall'housing sociale ai condomini solidali, dal cohousing agli ecovillaggi. Francesca Guidotti nel suo libro Ecovillaggi e cohousing mette a disposizione la sua attività di ricerca, accompagnandoci in maniera dettagliata all'interno delle varie realtà italiane, da nord a sud, fornendo una scheda dettagliata per ogni progetto, dalla personalità giuridica all'eventuale ispirazione spirituale, dall'organizzazione economica alla dieta scelta. Una guida per farsi un viaggio nelle esperienze comunitarie all'insegna non solo del risparmio economico ma soprattutto di uno stile di vita sobrio e a basso impatto ambientale, basato su relazioni autentiche e di solidarietà.  Continua a leggere...

di Francesca Guidotti


Forse ti interessa anche:

La cerniera bruno reffo

25/01/2019 11:34

Sono stato un lupo solitario per un po' di anni. Vedo con molto interesse l'ecovillaggio ma mi peoccupano i tempi. Ne ho parlato in famiglia ma la domanda che ci siamo posti era inevitabile: cosa facciamo di tutto ciò che abbiamo fatto fini ad ora? 20 anni di coltivazione orticola in modo naturale, circa 1000 mq di orto, un bosco di 5000 mq e una antica casa che, in quanto tale, era struttuata per accogliere una situazione di sopravvivenza. E' un discorso un po' lungo ma mi focalizzo sul concetto di cerniera: quando arrivai in questo paese la gente quando parlava di me, ero "lo straniero" oggi sono "quello che coltiva"... Sto facendo oggi quello che facevano da sempre e che ora hanno smesso di fare grazie alle comodità che hanno invaso la nostra vita ... . MI fermo qui perchè lo spazio finisce, Continuate così. Ciao

Posta un commento