La Rete globale degli ecovillaggi vs il cambiamento climatico

 La Rete globale degli ecovillaggi parteciperà alla Conferenza delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico (COP24) a Katowice, in Polonia per mostrare le proprie  soluzioni e proposte per il futuro.

14 Dicembre 2018

 

Il Global Ecovillage Network - la Rete globale degli ecovillaggi - ha partecipato al summit delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico (COP24) a Katowice, in Polonia. GEN ha mostrato le soluzioni locali e "dal basso" che gli ecovillaggi stanno implementando nel mondo per mitigare e adattarsi al cambiamento climatico.
L’obiettivo è quello di lanciare un appello alle istituzioni internazionali affinché riconoscano il prezioso lavoro che gli ecovillaggi stanno portando avanti rispetto ai diversi ambiti della sostenibilità e affinché venga a crearsi un ambiente favorevole al loro sviluppo. Per leggere il messaggio che il GEN ha portato alle istituzioni globali alla COP24 (in inglese), clicca qui .
Per ulteriori informazioni è possibile consultare i social network facebook o twitter .

 
Fonte: sito ufficiale Rete italiana villaggi ecologici, traduzione di Martina Losardo.

 

Vuoi saperne di più sulla Rete globale degli ecovillaggi e delle comunità presenti in Italia e all'estero? Leggi il libro di Terra Nuova!
La vita comunitaria e la condivisione dell'abitare si stanno espandendo sempre di più, non solo all'estero, ma anche nel panorama italiano, che offre un ricchissimo e variegato arcipelago di esperienze, dall'housing sociale ai condomini solidali, dal cohousing agli ecovillaggi.
Francesca Guidotti nel suo libro Ecovillaggi e cohousing mette a disposizione la sua attività di ricerca, accompagnandoci in maniera dettagliata all'interno delle varie realtà italiane, da nord a sud, fornendo una scheda dettagliata per ogni progetto, dalla personalità giuridica all'eventuale ispirazione spirituale, dall'organizzazione economica alla dieta scelta. Una guida per farsi un viaggio nelle esperienze comunitarie all'insegna non solo del risparmio economico ma soprattutto di uno stile di vita sobrio e a basso impatto ambientale, basato su relazioni autentiche e di solidarietà. Continua a leggere...  
 

di Francesca Guidotti


Forse ti interessa anche:

Posta un commento