Viaggio tra gli ecovillaggi italiani

19 dicembre, Padova: presentazione del libro di Alice Brombin, antropologa, che ha svolto una ricerca sugli ecovillaggi italiani.

16 Dicembre 2017

Coltivare il pianeta per coltivare se stessi: sensibilità ecologica, estetica politica, continuum natura/cultura, rinascita della comunità, ecofemminismo sono alcuni dei temi affrontati nel libro di Alice Brombin (FrancoAngeli editore) , per descrivere sulla base di una esperienza etnografica intensa, le proposte di vita degli ecovillaggi, mondi emergenti che, attraverso le loro pratiche sociali, definiscono nuove ecologie dell'appartenenza al cui centro sta il rinnovato rapporto con la natura, in un'ottica di co-creazione e interconnessione reciproca.

Questi esperimenti di vita comunitaria non rappresentano fenomeni isolati e circoscritti, al contrario sono espressione di un movimento sociale transnazionale, diffuso in tutto il mondo, che trasforma presupposti e principi etico-culturali, tra cui una profonda sensibilità ambientale, in un paradigma ecologico di azione, generando mutamento a vari livelli della vita sociale. L'autrice ci conduce in un villaggio che si traduce innanzitutto in un incontro con le esperienze di donne che incarnano nei loro corpi e nelle loro storie la tensione vitalista da cui si origina la riconnessione con Madre Terra. Un percorso di ricerca che si origina dalla riflessione su uno dei grandi interrogativi dei nostri tempi: come riconferire umanità all'umano? Rifondando la donna e l'uomo come esseri sensibili, rispondono gli ecovillaggi, facendo del proprio essere nel mondo una esperienza di "sentire-con" altre donne e altri uomini, con i cicli e i processi naturali, con gli animali e le piante, insistendo sull'importanza dei senitmenti e delle emozioni che sorgono dall'incontro con altri esseri viventi.
 
Alice Brombin, antropologa, conduce la sua ricerca etnografica tra l'Europa e l'America Latina. Dottore di ricerca in Scienze Sociali è autrice di varie pubblicazioni su riviste scientifiche nazionali e internazionali. Attualmente conduce la sua ricerca presso l'Instituto de Investigaciones AntroplÓgicas dell'Università Nazionale Autonoma del Messico UNAM. I suoi ambiti di studio riguardano le culture e le pratiche della sostenibilità, i movimenti sociali di matrice utopico-ecologista, l'estetica ambientale, le trasformazioni nelle forme di partecipazione sociale che veicolano la diffusione di sensibilità ecologiche alternative.

Il libro sarà presentato martedì 19 dicembre 2017, ore 17
Sala del Romanino, Musei Civici agli Eremitani (piazza Eremitani 8, Padova)
Intervengono:
Franca Bimbi Prof. Ordinario di Sociologia Università degli Studi di Padova
Donatella Schmidt Prof. Etnologia e Antropologia Culturale Università degli Studi di Padova
Gustavo Guizzardi Prof. Ordinario di Sociologia Università degli Studi di Padova
Paolo Graziano Prof. Ordinario di Scienze Politiche Università degli Studi di Padova
Paolo Coltro - Giornalista
 
 
Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili.
 
Informazioni: tel. 348 352 4073  - padovacultura.it

di Francesca Guidotti


Forse ti interessa anche:

il fico e il frutto giovanni costa

18/12/2017 21:08

Alice in bocca al lupo,giovani pascoli attendono il fico maturare,un'amica saresti se passassi da me,che ti volevo presentare il mio di libro,la verità fa male,non trovo il Feltrinelli giusto.

Posta un commento

Inserisci entrambe le parole sottostanti, con o senza spazi.
Le lettere non sono case-sensitive.
Non riesci a leggerlo? Provane un'altra