Glifosato: la UE rinnova l'autorizzazione per 5 anni

L'Unione Europea ha votato il rinnovo dell'autorizzazione del glifosato per 5 anni con 18 Stati su 28 che hanno dato l'ok. A votare contro sono stati: Belgio, Grecia, Francia, Croazia, Italia, Cipro, Lussemburgo, Malta e Austria; il Portogallo si è astenuto.

27 Novembre 2017

Il voto è stato preceduto da diversi rinvii nei mesi scorsi, da scontri tra Paesi membri e da documenti contraddittori. Si va dallo Iarc che ha definito il glifosato come probabile cancerogeno per l'uomo al rapporto dell'Efsa, l'autorità europea per la sicurezza alimentare, che lo ha scagionato dopo pochi mesi . In capo al Comitato dell’Agenzia europea per le sostanze chimiche (ECHA) sono stati rilevati significativi conflitti di interesse e l'associazione Friends of the Earth aveva denunciato nel suo rapporto "Buying science" che Monsanto "si stava comprando" la scienza . Per non parlare di quando si è scoperto che l'Efsa ha "assolto" il glifosato con un rapporto che però è risultato copiato dai documenti Monsanto , quasi parola per parola.

Diciotto i paesi che hanno votato a favore: Bulgaria, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Germania, Ungheria, Irlanda, Lettonia, Lituania, Olanda, Polonia, Romania, Slovacchia, Slovenia, Svezia, Spagna e Inghilterra.

E’ molto dura la reazione della Coalizione italiana StopGlifosato, espressa dalla portavoce Maria Grazia Mammuccini. “Il rinnovo dell’autorizzazione all’uso del Glifosato per altri 5 anni rappresenta un’autentica truffa ai danni dei cittadini europei e dell’ambiente. Le 51 associazioni che fanno parte della Coalizione, assieme al grande movimento di cittadini che si sono mobilitati in Italia e in Europa, aveva chiesto lo stop immediato per una sostanza sicuramente dannosa, al di là delle polemiche sulla cancerogenicità. Come sappiamo, i cosiddetti Monsanto papers hanno svelato le pressioni e le interferenze della multinazionale produttrice sulle istituzioni di controllo europee”, continua Mammuccini.

“La proroga non sembra contenere una clausola di cessazione per l’uso del glifosato e non introduce limitazioni specifiche in relazione alla tutela degli ambienti acquatici, in aperta contraddizione con gli obiettivi della Direttiva UE sulle acque e le Direttive UE sulla Biodiversità, Habitat e Uccelli. C’è chi spera che l’opinione pubblica dimentichi il glifosato in questi 5 anni. Non sarà così. Già ora l’impegno dei cittadini ha evitato che la proroga fosse addirittura di 10 anni, come proposto dalla Commissione Europea. Di fronte alle istituzioni UE si apre anche il problema dell’ICE, l’iniziativa dei cittadini europei contro il glifosato che ha raccolto un milione e 300 mila firme in 4 mesi. Noi – promette la portavoce della Coalizione – terremo alta la pressione sia a livello nazionale che internazionale”.

«L’ambiente e l'Europa perdono un’occasione storica» ha detto Carlo Petrini di Slow Food. «Il voto mostra come la maggior parte dei governi europei non abbia rispettato il volere di oltre un milione di cittadini europei che aderendo all’European Citizens Initiative (Ice) intendevano eliminare l’erbicida dal sistema alimentare e dall’ambiente. Inoltre, il fatto che gli Stati Membri non fossero riusciti a raggiungere un accordo nei numerosi incontri precedenti potrebbe aver spinto la Commissione a decidere per il rinnovo. Unica consolazione quella che, mentre a livello politico si è deciso di continuare a impiegare il famoso erbicida, diverse città e stati hanno scelto autonomamente di restringere il campo di applicazione del glifosato, il principio attivo del diserbante Roundup della Monsanto».

Petrini aggiunge: «Il voto di oggi rappresenta una decisione politica che va contro i cittadini, una decisione che non ha tenuto conto dell'indirizzo del Parlamento e che antepone il profitto alla sostenibilità e alla salute dell'ambiente e delle persone. Sono decisioni di questo tipo che allontanano i cittadini dall'Europa».

Gli fa eco Gaetano Pascale, presidente di Slow Food Italia «Una tragedia. Ci ritroveremo tra 5 anni a contare i danni del glifosato, in un contesto peggiorato dalle condizioni climatiche. La Commissione Europea le ha provate tutte per raggiungere il risultato del voto di oggi: si è partiti dalla proposta di un rinnovo di 10 anni, che poi è passato a 7 e infine è arrivato a 5. Un comportamento che è servito a spingere gli astenuti a votare a favore del rinnovo. Ma si tratta di un compromesso esclusivamente politico, raggiunto sulla pelle dei cittadini. Perché se il rischio per la salute esiste non è riducendo i tempi del suo utilizzo che lo si elimina. L’uso del glifosato andava fermato subito, non ha alcun senso il rinnovo di altri 5 anni: così si ignora completamente il principio di precauzione».

Terra Nuova fa parte del Tavolo nazionale contro i pestici e della Coalizione #StopGlifosato .

di Terra Nuova

Posta un commento

Inserisci entrambe le parole sottostanti, con o senza spazi.
Le lettere non sono case-sensitive.
Non riesci a leggerlo? Provane un'altra