Perché è importante prevenire lo stress in gravidanza e nel parto

Ormai è noto che lo stress può avere forti ripercussioni sulla nostra salute. I suoi effetti si fanno sentire anche durante la gravidanza e nel momento del parto. Scopriamo quali sono i rischi collegati.

14 Gennaio 2018
Perché è importante prevenire lo stress in gravidanza e nel parto

Il cortisolo attraversa la placenta, ma viene reso inattivo da enzimi placentari. In presenza di stress cronico o di uno stress molto acuto questo meccanismo protettivo non funziona più.

Effetti dello stress sulla madre e sulla placenta:

- riduce il flusso placentare attraverso la vasocostrizione;
- inibisce la sintesi degli ormoni placentari, in particolare degli estrogeni, responsabile dell’aumentato afflusso di sangue alla placenta (fino a 50 volte di più) e della crescita del bambino;
- inibisce il progesterone che riduce la contrattilità uterina, le prostaglandine che hanno un ruolo importante rispetto al tono dei vasi placentari;
- lo stress all’inizio della gravidanza ha un effetto diverso da quello a fine gravidanza. Nei primi due trimestri la placenta cresce più del bambino e crea le basi per il suo futuro accrescimento: nei primi due trimestri lo stress riduce la placentazione (ritardo di crescita simmetrico, globale); nel terzo trimestre riduce i flussi placentari (ritardo di crescita asimmetrico, selettivo) con effetto epigenetico, si trasmette alle generazioni future;
- nella madre crea tutti i sintomi ortosimpatici (agitazione, ansia, superficialità, lucidità, iperattività, secchezza delle mucose, ipercontrattilità uterina ecc.);
- inibisce il sistema immunitario (inibizione dei linfociti T, della sintesi di proteine, quindi degli anticorpi, inibizione della funzione dei linfociti e globuli bianchi) gli stessi linfociti possono produrre ACTH;
- inibisce la produzione di endorfine e somatotropina (importanti per l’accrescimento fetale, l’apprendimento e la gratificazione).

Effetti dello stress sul bambino:

- neuro-immuno-modulazione: modifica del sistema di adattamento primario (danneggia la ghiandola del timo);
- ritardo di accrescimento simmetrico o asimmetrico;
- rischio di parto prematuro;
- dopo la nascita: ipereccitabilità, rigurgiti frequenti, disturbi del comportamento, malattie ricorrenti ecc.;
- attivazione di meccanismi di compensazione fetali: aumento dell’emoglobine fetale; riduzione del flusso sanguigno in periferia, nel sistema digestivo, fegato e reni; riduzione dei movimenti fetali attivi (maf), dei movimenti respiratori; riduzione del battito cardiaco fetale (bcf) e aumento della gettata cardiaca; riduzione delle fasi del sonno REM (fondamentale per lo sviluppo del cervello); attivazione precoce della ghiandola surrenale con livelli troppo alti di cortisolo.

-

Articolo tratto dal libro Voglia di parto

L’idea di partorire con le doglie richiama il dolore. Le doglie, però, non sono solo dolore, ma anche pause di benessere, gioia e gratificazione profonda.
Questo libro dimostra che il dolore delle doglie può essere governato e che la sua gestione attiva dà alla donna un senso di una grande forza e di grandi possibilità personali. In modo chiaro sono spiegate le numerose funzioni positive delle doglie per mamma e bambino, e anche tutte le risorse che un parto spontaneo mette a disposizione, nonché i mille modi in cui il dolore può essere controllato, contenuto e trasformato in pura forza.

I metodi di analgesia e ipoalgesia farmacologici e fisiologici sono descritti in dettaglio, compresi i loro aspetti positivi e negativi, al fine di offrire alle donne il più ampio ventaglio di scelte.
In conclusione l’autrice propone un corso di training per le doglie in quattro sedute, pensato per la coppia affinché anche il partner possa trovare un ruolo attivo di sostegno.
Un testo indispensabile per le operatrici del settore e per tutte le donne e le coppie che desiderano affrontare il parto in modo attivo e consapevole.

In OFFERTA SCONTO su www.terranuovalibri.it

di Terra Nuova


Forse ti interessa anche:

Posta un commento

Inserisci entrambe le parole sottostanti, con o senza spazi.
Le lettere non sono case-sensitive.
Non riesci a leggerlo? Provane un'altra