Gli errori da evitare per un Natale senza sprechi

Se la strada vuole essere quella di evitare gli sprechi e riscoprire un modo diverso di vivere e assaporare il Natale e le festività, ecco qualche consiglio in pillole.

21 Dicembre 2017
Gli errori da evitare per un Natale senza sprechi

Non comprate troppo cibo, perché il rischio è di doverlo buttare. In Italia gettiamo 5 milioni di tonnellate di alimenti l’anno1. E se questi sono i numeri di routine, immaginatevi a Natale quando si tende a riempire il carrello non solo di cose non necessarie, ma di prodotti destinati a diventare rifiuti senza neanche essere aperti. La soluzione? Concentratevi, programmatevi bene, fate delle liste e acquistate solo ciò che è indispensabile.

Riducete imballaggi, carta e plastica. Pacchettini, fiocchetti, buste, nastri, sportine, confezioni e chi più ne ha più ne metta. Secondo il sito www.portalasporta.it , il 40% della plastica prodotta al mondo viene utilizzato per gli imballaggi, che in buona parte finiranno per galleggiare nei nostri oceani. Se vi è avanzata, usate la carta che già avete in casa, abbellendola e colorandola con nastri di stoffa ricavati magari da vecchi indumenti, o usate scatole di cartone riciclato multiuso che vi accompagneranno anche in altri acquisti.

Non usate mezzi inquinanti per spostarvi e limitate lo shopping online. Durante le feste, quando le persone in teoria dovrebbero lavorare e muoversi meno, non c’è comunque pace per l’aria. Anzi! Se fino a qualche anno fa a risentire degli effetti del traffico natalizio erano per lo più le grandi città, oggi la situazione è fuori controllo quasi ovunque. E a metterci il carico da novanta, come abbiamo raccontato nell’articolo, è acquistare online quello che prima si acquistava benissimo nei negozi del proprio paese. Fate dunque acquisti «di prossimità», rallentate i tempi degli spostamenti e privilegiate i mezzi non inquinanti, come bus o bicicletta; guardatevi intorno, riscoprite ciò che avete a portata di mano.

Non sprecate soldi e tempo, ed evitate lo stress. Per tante persone Natale significa impiegare il (poco) tempo libero a disposizione per comprare con i (pochi) soldi risparmiati, grandi quantità di merci, per lo più inutili, prodotte in gran parte in condizioni di sfruttamento (dell’ambiente e dei lavoratori). L’ansia da regalo, poi, oggi colpisce 7 italiani su 10 e il momento dell’acquisto è sempre più momento di stress. Il consiglio in questo caso è di cambiare prospettiva, recuperare le relazioni sincere, gli scambi spontanei e la condivisione. Regalate e regalatevi tempo!

Note
1. Dati Waste Watcher 2016.

-

Brano tratto dall'articolo "A Natale, cambia prospettiva"
Leggi l'articolo completo sul mensile Terra Nuova Dicembre 2017

Abbonati

Dove acquistare

Richiedi copia omaggio

Archivio rivista

Acquista l'ultimo numero online  

Scarica la APP e leggi Terra Nuova in digitale

Visita www.terranuovalibri.it lo shop online di Terra Nuova

di Terra Nuova


Forse ti interessa anche:

Posta un commento

Inserisci entrambe le parole sottostanti, con o senza spazi.
Le lettere non sono case-sensitive.
Non riesci a leggerlo? Provane un'altra